Dacci oggi il nostro pane quotidiano (…), ma liberaci dal male. Seconda Parte

Erbe, cereali e veleni

I cereali sono i semi di piante erbacee. Le erbe possono o non possono essersi evoluti per lasciare che i loro semi possano essere consumati (Janzen, 1984), ma non certo per farli digerire in pezzi che non saranno in grado di trasmettere i geni della pianta. Le erbe non possono difendersi, scappare o lottare, non hanno le spine, non hanno gusci protettivi intorno i loro semi; come la maggior parte delle piante, tuttavia, producono tossine. Le piante hanno progettato una vasta gamma di veleni: oltre 50.000 composti difensivi sono stati identificati finora (Kennedy e Wightman, 2011) per scoraggiare, causare danno, o uccidere chi si nutre di loro. Queste creature, a loro volta, si sono evolute che una serie di contromisure, compresi i meccanismi per rilevare (ad esempio, i recettori del gusto amaro) e disintossicare tali veleni, per quanto possibile (Hagen et al., 2009).

Comprensibilmente, le proteine di autodifesa sono particolarmente concentrati nelle piante nella frazione più preziosa: i semi. Paradossalmente, dei tre genomi separati che grano moderno contiene dalla spontanea fertilizzazione incrociata delle tre diverse specie selvatiche (ad esempio, Murphy 2007), il genoma responsabile per il pane migliore qualità è associato con le proteine più tossiche (Kucek et al. , 2015). Questi sono in grado, almeno nei roditori, di attraversare sia nell’intestino che le barriere sangue-cervello (Broadwell et al., 1988) e interferiscono, tra le altre cose (Pusztai et al., 1993), con l’azione del fattore di crescita nervoso (Hashimoto e Hagino, 1989). Nella pasta, alcune di queste proteine, anche se altamente resistente alla digestione si perdono nell’acqua salata durante la cottura, di conseguenza, essi non ci dovrebbero essere nel piatto finale (Mamone et al., 2015). Eppure essi si possono ancora trovare nella birra e couscous (Flodrová et al., 2015) e possono essere inalati dalla farina cruda (Walusiak et al., 2004).

I semi sono inoltre dotati di proteine progettate per fornire nutrimento di pronto utilizzo per la futura piantina. Il kit di proteine di riserva nell’orzo, nella segale, ed in particolare il grano, è conosciuto come il glutine ( “colla” in latino), ed è risultato avere un valore speciale per noi. Come s’impasta il pane, il glutine forma una rete elastica che intrappola i gas prodotti dal lievito durante la fermentazione; questo permette all’impasto di crescere e ad espandersi durante la cottura. Il successo spettacolare del frumento rispetto all’orzo ed alla segale è incernierato principalmente sulla facilità con cui un pane gommoso, poroso ed ottimale può essere ottenuto dalla farina.

Purtroppo, il glutine ha dimostrato di essere tossico per una percentuale di persone che negli ultimi decenni è in costante aumento (Rubio-Tapia et al., 2009). In effetti, le varietà di grano che contengono il tipo più dannoso di glutine sono diventati più comuni (van den Broeck et al., 2010). Questo è particolarmente preoccupante dato che il glutine non è naturalmente solo presente nel pane, nelle torte, nella pasta, nella pizza, e nella birra, ma è per la sua associazione e le proprietà addensanti, aggiunto a una varietà impressionante di altri prodotti. Un sondaggio nei supermercati australiani ha rilevato il glutine in quasi 2.000 diversi prodotti alimentari, che vanno da salse alle carni lavorate, e oltre 100 prodotti che vanno dagli antidolorifici agli shampoo (Atchison et al., 2010). Eppure il glutine innesca qualche azione non appena si trasforma nell’intestino non solo in poche persone sensibili, ma in tutti noi.

intestino

Buchi nel nostro intestino

Uno studio post-mortem su 82 pazienti con schizofrenia trovato tassi di infiammazione di stomaco, intestino tenue, intestino, impressionanti rispettivamente, 50%, 88% e 92% (Buscaino 1953; citato in Buscaino, 1978). L’associazione tra patologie gastrointestinali e disturbi psichiatrici era già stato notato almeno 2.000 anni fa ed è stato confermato più volte (per una breve rassegna vedere Severance et al., 2015).

Un intestino sano può aprire il nostro corpo a batteri nocivi, tossine, e pezzi non digeriti di cibo. In ognuno di noi, c’è una parete intestinale la cui superficie potrebbe coprire un intero monolocale (Helander e Fändriks, 2014) affronta la sfida di prevenire che ciò accada, mentre lascia l’acqua e sostanze nutritive lo attraversino. Questa impresa avviene tramite una barriera sofisticata, dove l’apertura e la chiusura delle giunzioni tra le cellule della parete sono regolate in modo flessibile (Bischoff et al., 2014). Oltre a ciò, questa architettura potrebbe servire come linea di emergenza di difesa contro i microbi patogeni (Fasano et al., 1997). La parte dell’intestino che segue immediatamente lo stomaco, l’intestino tenue, è infatti mantenuto praticamente sterile, ed i batteri vengono rimossi dai movimenti peristaltici dell’intestino prima che possano moltiplicarsi (Dixon, 1960). L’eventuale presenza anomala di microbi innesca il rilascio dell’azonulina, che allarga le giunzioni tra le cellule in modo che l’acqua può penetrare nell’intestino e stanare i batteri tramite la diarrea (El Asmar et al., 2002).

Produrre la diarrea è solo un lavoro eccezionale tra i tanti giornalieri, meno appariscenti, che si ritiene la zonulina svolga. È importante sottolineare che, la regolamentazione della permeabilità intestinale garantisca o blocchi il passaggio di grandi molecole e cellule immunitarie. Per motivi ancora oscuri, tuttavia, a volte questo meccanismo consente a componenti alimentari parzialmente digerite di sfuggire dall’intestino e raggiungere

  • (a) lo strato interno della parete intestinale, che ospita una gran parte del sistema immunitario, e
  • (b) il flusso sanguigno.

Queste sostanze non sono attese in quelle zone e possono mettere in moto una reazione immunitaria mal indirizzata (vedi Fasano, 2009). Se la permeabilità intestinale si protrae in modo anomalo si associata a una vasta gamma di malattie immunitarie, e, in alcuni studi animali, è stato dimostrato che le precedano, suggerendo causalità (ad esempio, Meddings et al., 1999). Queste malattie includono l’artrite, l’asma, il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla (Fasano, 2012).

Vale la pena notare che lo stress psicologico peggiora la permeabilità intestinale. Parlare in pubblico lo fa, con effetti transitori, e, per esempio anche l’inizio della deprivazione materna (Vanuytsel et al 2014). (Dimostrato nei ratti:. Barreau et al, 2004). È interessante notare che lo stress psicologico peggiora anche l’infiammazione dell’intestino (per una breve rassegna, vedere Daulatzai, 2015),aggrava le malattie immuno-correlate (Dhabhar, 2009), e prevede l’insorgenza e la gravità dei disturbi mentali (Kendler et al, 1999;. Carr et al., 2013). Alcune spezie comuni (Jensen-Jarolim et al., 1998) e componenti alimentari (ad esempio, Bischoff et al., 2014) modulano in modo eccessivo la permeabilità intestinale, sia aumentandola (come il fruttosio, ampiamente usato per dolcificare bevande commerciali) o diminuendola (come il flavonoide quercetina, che si trova nelle cipolle e nel tè). Probabilmente perché è scambiato per una molecola microbica (Fasano et al., 2015), il glutine stimola il rilascio zonulina e, quindi, ha un posto di rilievo nelle cause di permeabilità intestinale (Hollon et al., 2015). L’ingestione di un inibitore della zonulina impedisce al glutine di provocare permeabilità intestinale, e una dieta priva di glutine riduce sia i livelli di zonulina che la permeabilità intestinale (Fasano, 2011). In tutti noi, la zonulina aumenta la permeabilità non solo della parete intestinale, ma anche di altri non meno interessanti barriere. In particolare la barriera ematoencefalica. Per esempio una tossina che imita la zonulina è effettivamente in fase di studio per la sua capacità di migliorare il trasporto al cervello di farmaci tipo agenti antitumorali (Karyekar et al., 2003).

Riferimento:
Front. Hum. Neurosci., 29 March 2016 | http://dx.doi.org/10.3389/fnhum.2016.00130
Bread and Other Edible Agents of Mental Disease
Paola Bressan and Peter Kramer
Link: link full text

fonte: evolutamente.it

autore: Angelo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.