Semplici test per monitorare tiroide e surreni

Eccovi i Test per potervi monitorare lo stato di salute della tiroide e dei surreni ( facili quanto utilissimi, li farete da soli, senza nessun ausilio o costo). Test della temperatura di Barnes Per poter controllare in modo efficace il funzionamento della tiroide e poi successivamente se si riscontrano situazione alterate, procedere agli esami ematici, basta controllare la temperatura basale a livello ascellare ogni mattina (per i maschi per una settimana, per le femmine per 7 giorni durante il ciclo mestruale) prima di alzarsi dal letto; la temperatura regolare che indica un buon funzionamento di questa ghiandola si situa fra i 36,4 ed i 36,8 gradi. Come procedere: la sera posare sul comodino il termometro a mercurio o a galistan ( quest’ultimo lo trovate facilmente in tutte le farmacia, parafarmacie,) affinché la mattina dopo si compiano meno movimenti possibili, appena svegli misurare la temperatura ascellare per almeno 10 minuti e prendere nota.

1013612_10204391115512328_1343373238596642561_nLa temperatura va registrata al mattino perché una volta alzati e durante la giornata essa tende ad alzarsi; un esempio: se una persona al pomeriggio dovesse avere una temperatura di 36,5 gradi, potrebbe esser ipotiroideo.
TEST RIFLESSO PUPILLARE PARADOSSO ( per lo stato di salute dei surreni e in particolare i livelli di aldosterone)
Procedimento: Hai bisogno di stare in una stanza buia con uno specchio. Siedi di fronte a uno specchio e indirizza un fascio di luce proveniente da una lampada o torcia elettrica verso un occhio.Tieni la lampada puntata verso l’occhio e guarda nello specchio vedrai subito la pupilla dell’occhio rimpicciolirsi.
Normalmente l’iride rimane contratta per tutto il tempo in cui l’occhio è colpito dalla luce; se hai una forma di stanchezza surrenale, la pupilla alla fine si dilaterà di nuovo nonostante la luce puntata. Questa dilatazione durerà circa 40-45 secondi prima che la pupilla si contragga di nuovo. controlla orologio e prendi nota.
Eccovi un breve video illustrativo: https://www.youtube.com/watch?v=OAkftY6BZS0
Questa diminuita capacità dell’iride di rimanere contratta è presente nei casi moderati e severi di stanchezza surrenale, nei casi più lievi puo’ non essere presente. Perché si verifica? Poiché insufficienza surrenale può anche risultare in bassi livelli di aldosterone, che provoca mancanza di una corretta quantità di sodio e l’abbondanza di potassio. Questo squilibrio fa sì che i muscoli dello sfintere del vostro occhio siano deboli e si dilatarsi in risposta alla luce.
Nella persona iposurrenalica avremo 3 tipi di manifestazioni:
1) La pupilla si contrae e si decontrae in meno di 30 sec.;
2) La pupilla continua a dilatarsi ed a contrarsi, cioè a pulsare;
3) Una enorme dilatazione della pupilla; infatti molti pazienti lamentano un’ipersensibilità alla luce.

Altro test: Ti ritrovi eccessivamente sensibile e a disagio con la luce soprattutto quella brillante? Questo potrebbe essere un segno di stanchezza surrenali. E questo può anche essere vero, se avete mal di testa che si aggiungono a questa constante sensibilità.

10891902_10204391114552304_8028178255894093122_nUlteriore test ( sia per i surreni che per la tiroide): È possibile determinare la tiroide e lo stato del surrene seguendo Dr Rind ( http://www.drrind.com/therapies/metabolic-temperature-graph…) con una media giornaliera della vostra temperatura. È sufficiente prendere la vostra temperatura 3 volte al giorno, a partire da tre ore dopo essersi svegliati, e dopo ogni tre ore, alla parità di tre temperature giornaliere. (Se avete mangiato o fatto esercizi appena prima di prendere la temperatura, attendere 20 minuti in più). Alla fine della giornata fare la media per quel giorno ( sommate i tre valori e poi fate diviso 3, e prenderne nota, è la nostra temperatura media di quella giornata). Fare questo per almeno 5 giorni. Nota per le donne: : effettuare queste misurazioni alla fine del ciclo mestruale, perché lontani dall’ovulazione. Se la temperatura media oscilla di giorno in giorno di un grado centigrado (o di più) forse è necessario il supporto surrenale.
Riassunto dal Dr. Rind: Se le temperature sono fluttuanti ma nel complesso basse, probabilmente è necessario il supporto sui surrenali e sulla tiroide. Se le temperature sono fluttuanti, ma in media 37,0 gradi (Celsius), basterebbe il supporto surrenale. Se è stabile ma basso, avete bisogno di un supporto maggiore sulla tiroide. Come spiega eccellentemente il grande esperto Dr Rind ognuno di questi test puo’ aiutarci nella diagnosi di problemi legati alla tiroide, fare chiarezza sullo stato dei nostri surreni. Inoltre, per chi già ricorre a una terapia di integrazione ( cortisolo/dhea e/o ormoni tiroidei), capire se questa davvero apporta dei benefici oggettivi e come la sua efficacia puo’ essere influenzata dal nostro stato “stressogeno” e “infiammatorio”, dalla nostra alimentazione e integrazione di nutrienti , dalle stagioni che richiedono una diverso coinvolgimento e lavoro di queste importantissime ghiandole etc.
Decisivo è il test salivare ( cortisolo/DHEA) delle 24 ore.
Il test della saliva misurerà i livelli cellulari di questi ormoni in quattro momenti chiave in un periodo di 24 ore, che rivela se si hanno alti livelli cortisolo (che può avere sintomi simili a bassi livelli di cortisolo), o una combinazione di livelli alti e bassi (che può essere problematico in pazienti ipotiroidei), o la maggioranza dei bassi livelli, che può portare a problemi e confusione quando i pazienti aumentano le dosi di ormoni tiroidei, causando sintomi simili all’ipertiroidismo (ansia o nervosismo, intolleranza al calore, sudare più del solito, difficoltà di concentrazione, rigonfiamenti o occhi irritati; problemi di visione, palpitazioni o frequenza cardiaca più veloce, stanchezza, insonnia, frequenti alterazioni intestinali etc) con eccessiva conversione in RT3.

1459657_10204391118312398_5258748447582368825_nPurtroppo, i medici tendono a raccomandare un test di una volta nel sangue, o un test delle urine delle 24 ore, ma nel sangue viene misurato il cortisolo legato e non legato, non è quindi utile, né ci dice ciò che accade in tempi diversi. Un test delle urine si dà semplicemente una media di un periodo di 24 ore, e che maschera l’andamento nella giornata che ha dei livelli ben definiti.
Come ordinare il test salivare:
1) Potete richiederlo al vostro medico/ nutrizionista che vi ha in cura e che provvederà a farvelo arrivare a casa, 2) potete ordinarlo direttamente dai laboratori stranieri e poi meglio rivolgervi a un professionista nell’interpretazione de risultato del test: qui alcuni link, ho scelto quelli con prezzo competitivo, il Comprehensive Adrenal Stress Test (http://www.smartnutrition.co.uk/health…/adrenal-stress-test/) questo test è il più completo poiché misura il cortisolo, il DHEA e le IgA ( marker anticorpali di stress e di risposta immunitaria), Adrenal test (http://www.adrenaltest.co.uk/order-adrenal-test) qui potete anche avere un consulto telefonico di 30 minuti per discutere i risultati.
NOTA IMPORTANTE: è consigliato interrompere due settimane prima del test integratori adattogeni, farmaci che vanno ad agire sulla ghiandola surrenale.

(Ulteriori dettagli sul libro Stop Thyroid Madness: http://www.amazon.co.uk/Stop-Thyroid-Madness-…/…/ref=sr_1_2…).

fonte: Rosa Flocco Neurobiologa esperta in nutrizione e medicina funzionale (neurobionutrizione@gmail.com)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.